La parola assertività deriva dal latino “assèrere”, composto dalla particella “ad” indicante scopo e da “sèrere” che sta per “intrecciare” e quindi per “discorrere”, intendendo “discorso” come “parole e concetti intrecciati”. Il significato di “assèrere” è, per estensione, anche quello di “asserire”, “annettere a sé” e quindi “far proprio”, da cui il senso figurato di “arrogarsi un’opinione e sostenerla come vera”.

MA COSA SIGNIFICA ESSERE ASSERTIVI?

Le competenze assertive nella persona descrivono un atteggiamento improntato a responsabilità e fiducia in sé e negli altri, che porta ad affermare i propri diritti senza negare quelli altrui. È l’espressione diretta della capacità di comunicare desideri, intenzioni, giudizi, evitando ogni forma di aggressività e minaccia.